Con la Determinazione Direttoriale prot.138764 del 10 maggio 2020 è stato introdotto il Documento Amministrativo Semplificato in versione elettronica (e-DAS), in applicazione dell’articolo 1, comma 1, lettera b), del D.L. 3 ottobre 2006, n.262 e dell’articolo 1, comma 958, della legge 27 dicembre 2017, n.205.

In particolare, per l’emissione e la gestione dell’e-DAS, la Determinazione prevede l’invio al sistema informativo dell’Agenzia di appositi messaggi elettronici da parte dei soggetti interessati alla movimentazione, tramite appositi tracciati informatici da definirsi con successivi provvedimenti ai sensi dell’articolo 21, comma 4, della determinazione stessa.

Si invita, a leggere con attenzione la Determinazione Direttoriale 138764 del 10 maggio 2020 in modo da poter avere uno stato dell’arte preciso delle novità in materia. In ogni caso siamo a disposizione per supportare la vostra azienda per qualsiasi dubbio o approfondimento di carattere normativo.

Di seguito vengono riportate alcune differenze importanti relative all’e-DAS rispetto al DAS cartaceo presenti nella Determinazione Direttoriale:

  • L’e-DAS è compilato dallo speditore con alcuni dati obbligatori; una novità è rappresentata dall’obbligo di inserire il numero identificativo e data della fattura elettronica emessa per la cessione del prodotto estratto dal deposito. In caso di fatturazione differita deve essere indicato il numero di riferimento locale.
  • Data e ora di spedizione, comunque non superiore alle ore 05:00 del giorno lavorativo successivo a quello di registrazione;
  • Durata strettamente necessaria prevista per il trasporto in base al tragitto da effettuare, comunque non superiore alle 18 ore;
  • Per il tempo strettamente necessario che intercorre tra la data di registrazione e la data e ora di spedizione, lo speditore è tenuto a custodire le autobotti per le quali è stato emesso l’e-DAS all’interno del recinto del deposito mittente;
  • Quantitativo del prodotto trasportato in volume ambiente e in volume a 15 °C, densità del prodotto a 15 °C;
  • Peso a vuoto del mezzo risultante dalla carta di circolazione;
  • In caso di smarrimento, furto o distruzione della copia stampata dell’e-DAS, l’incaricato del trasporto, prima della prosecuzione del viaggio, si munisce di altra copia stampata (su questo punto si sono chiesti chiarimenti all’Agenzia)
  • In caso di superamento della durata prevista per il trasporto, l’incaricato del trasporto è tenuto ad informare lo speditore per l’assolvimento degli obblighi di comunicazione con l’Agenzia delle Dogane; –
  • Entro lo stesso giorno di ricezione dei prodotti, il destinatario trasmette al sistema informativo il rapporto di ricezione per ciascuna partita, tramite il messaggio elettronico, firmato digitalmente dal destinatario stesso.
  • Lo speditore fornisce comunicazione all’Ufficio delle Dogane territorialmente competente sull’impianto dell’indisponibilità del proprio sistema elettronico, indicandone le motivazioni e la presunta durata;
  • Qualora per indisponibilità del sistema elettronico o del sistema informativo dell’Agenzia non sia possibile il dialogo telematico che consente l’emissione dell’e-DAS, l’emissione del documento è effettuata su formato cartaceo bollato con i nuovi dati obbligatori previsti per l’e-DAS;
  • Al ripristino del sistema elettronico o del sistema informativo dell’Agenzia lo speditore trasmette, attraverso il messaggio elettronico per invio differito, i dati relativi ai DAS cartacei emessi durante l’indisponibilità, entro il giorno lavorativo successivo alla data di ripristino.
  • Ciascun esercente deposito deve adeguare i propri sistemi elettronici alle disposizioni della Determinazione Direttoriale e darne comunicazione all’Ufficio delle dogane territorialmente competente. Alcune delle indicazioni da fornire sono: la situazione aggiornata alla data della comunicazione relativamente al numero di DAS cartacei in giacenza presso il deposito; con indicazione della giacenza ad inizio anno, del numero di DAS emessi, di quelli ricevuti e di quelli annullati nel corso dell’anno stesso.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *